Regolamentare l’affitto con riscatto

Il Leasing è un termine anglosassone che definisce una particolare forma di contratto immobiliare (ma anche mobiliare): l’affitto con riscatto; in Italia questo contratto è applicabile solo per immobili produttivi acquistati da imprese e società in attività; non è applicabile alla compravendita di case, appartamenti, immobili a destinazione residenziale in genere.

Nella provincia di Reggio Emilia alcune imprese e società immobiliari (ne conosco almeno tre) stanno promuovendo la vendita degli appartamenti che hanno costruito con formule, tra loro diverse, che hanno in comune la forma di pagamento: piccole rate mensili, come un canone d’affitto.

La mia Agenzia è mandataria esclusiva di una di queste promozioni e così ho potuto toccare con mano le difficoltà che il sistema legale e fiscale vigente frappone: è un vero e proprio slalom che l’impresa deve fare se vuole vendere a piccole rate mensili per evitare di incorrere nell’elusione fiscale per la disciplina particolare dell’IVA (imposta sul valore aggiunto).

Ai tempi in cui le banche non erogano mutui casa, la legislazione (soprattutto fiscale) dovrebbe favorire quelle imprese che avendo investito risorse proprie hanno la possibilità e la opportunità di frazionare i pagamenti all’acquirente per vendere quanto costruito.

Ecco uno dei provvedimenti, non oneroso per lo Stato, che il Governo dei Professori dovrebbe urgentemente adottare per stimolare gli investimenti immobiliari: una Legge per disciplinare l’affitto con riscatto per le abitazioni.

Regolamentare l’affitto con riscattoultima modifica: 2012-05-17T12:08:09+02:00da giannibernini
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Regolamentare l’affitto con riscatto

Lascia un commento